logo1

Colletta Alimentare, il bilancio locale

Più di 32 tonnellate di cibarie raccolte nel VCO: quasi 14 nel Verbano, più di 8 tonnellate e mezza nel Cusio, più di 11 tonnellate e mezza in Ossola

46 fra supermercati e centri commerciali coinvolti nel VCO, circa 500 volontari mobilitati e più di 32 tonnellate di cibarie raccolte: quasi 14 nel Verbano, più di 8 tonnellate e mezza nel Cusio, più di 11 tonnellate e mezza in Ossola. Sono i numeri locali della colletta alimentare, al suo 25° anno, che lo scorso sabato è tornata in presenza. A livello nazionale il 27 novembre si sono raccolte circa 7.000 tonnellate di cibo, l’equivalente di 14 milioni di pasti.

“Non era scontato – dicono dslla Fondazione Banco Alimentare - che, con la ripresa dei contagi, 140mila volontari, nel rispetto delle norme, tornassero davanti a quasi 11mila supermercati per vivere e proporre un gesto semplice ma concreto di solidarietà.”

Giovanni Bruno, presidente della Fondazione Banco alimentare Onlus, lo descrive come “Un gesto capace di unire in un momento in cui tutto sembra volerci dividere: dalla ripresa del virus, ai contagi crescenti, all’insicurezza economica. La giornata della Colletta – prosegue Bruno - ci manifesta che sono i fatti, i gesti che innanzitutto educano, noi, i nostri figli, tutti, e possono realizzare autentica solidarietà e coesione sociale”. Quanto raccolto, insieme a quanto recuperato dal Banco Alimentare nella sua ordinaria attività durante tutto l’anno, sarà distribuito nelle prossime settimane a circa 7.600 strutture caritative che assistono oltre 1,7 milioni di persone.

Ma la raccolta non si è conclusa: facendo tesoro dell’esperienza dell’anno scorso, la venticinquesima Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, si protrarrà in formato digitale per diversi giorni. Online la “spesa della solidarietà” si potrà fare da lunedì fino a venerdì 10 dicembre, su amazon.it/bancoalimentare oppure acquistando sul sito www.mygiftcard.it una “Charity Card” da 2, 5 o 10 Euro, che sarà poi convertita in generi alimentari donati al “Banco”. Le stesse si potranno acquistare anche in alcuni supermercati.

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa