logo1

Confcommercio ha presentato i dati raccolti del Distretto diffuso del lago Maggiore

Lo studio disegna i punti forti e quelli deboli del distretto e delinea le strategie future 

Il “Distretto diffuso del lago Maggiore”, avviato da Confcommercio, ha presentato i dati raccolti da un questionario inviato alle istituzioni e alle attività associate delle provincia di Novara e del Vco. In videoconferenza Maurizio Grifoni, presidente di Confcommercio Novara e Vco ha aperto la seduta spiegando:<I risultati ottenuti danno uno spaccato preciso di quella che è la realtà e le aspettative della categoria. Il territorio che da Dormelletto va sino a Stresa è stato vagliato attentamente nel suo insieme per quanto riguarda commercio, turismo, servizi e via via. Una mappatura che da indicazioni sulla situazione attuale e sulle prospettive per il futuro>. Alessandro Minello, con l’agenzia di Treviso, ha analizzato i risultati che sono emersi dall’esame dei 192 questionari. Di questi 150 riguardavano le imprese e 42 gli stakeholder. Il 37,3 % dei quali interessa attività connesse al turismo. Il 58,7 % ha un fatturato inferiore ai 250 mila euro annui. Nel 2021 solo il 16 % di questi dichiara di aver fatto meno fatturato del passato, mentre il 51,3 % dichiara un aumento e il 32 % una linearità stabile. Nel 2021 il 70,7 % ha mantenuto invariato il numero dei dipendenti, il 19,3 % lo ha diminuito, mentre il 7,3 lo ha aumentato. Per quanto riguarda gli strumenti innovativi l’86 % utilizza wi fi, il 62 % i social media, il 53 % il cellulare. Nel percorso comune il 95,3 % delle imprese ritiene importante le risorse ambientali, le istituzioni il 90,5 %. Per le attività sportive lo ritengono 35,3 % delle imprese e il 26,2 % delle istituzioni Per arte e cultura ritengono che incida il 30,7 % delle aziende contro il 50 % delle istituzioni. I prodotti tipici sono importanti per il 26.7 % delle imprese e il 16,7 delle istituzioni. Sulla percezione dei fabbisogni le il 48,7% delle aziende lo ritengono importante, mentre per le istituzioni il 40,5 %. Iniziative ad eventi è ritenuto fondamentale dal 47,3 % delle aziende e dal 35,7 % delle istituzioni. La comunicazione il 47,3 % degli operatori e il 64,3 % delle istituzioni. Allineate sulla cultura dell’ospitalità: 44,7 % contro il 45,2 %. Maurizio Grifoni ha concluso:<Dove è stato fatto questo studio ha portato a risultati positivi e più risorse per comuni e privati> è ha citato le province di Varese, Treviso, Bari, Padova e la stessa Verbania dove le analisi sono in atto. 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa