logo1

Sci Macugnaga, vertice a Torino

Alessandro Bonacci, sindaco della pela del Rosa, nel vertice torinese con l’assessore Fabio Carosso, si è presentato assieme al presidente della Provincia del Vco, Alessandro Lana e al numero uno dell’Unione Montana Valle Ossola, Bruno Toscani

Tavolo congiunto Regione Piemonte e Comune di Macugnaga per parlare del futuro degli impianti sciistici della perla del Rosa. E’ successo nei giorni scorsi a Torino. Un appuntamento promosso da Alberto Preioni e definito dai partecipanti importante perché servito a riannodare il filo del discorso interrotto mesi fa.
Alessandro Bonacci, sindaco della pela del Rosa, nel vertice torinese con l’assessore Fabio Carosso, si è presentato assieme al presidente della Provincia del Vco, Alessandro Lana e al numero uno dell’Unione Montana Valle Ossola, Bruno Toscani. “ Siamo qui perché il territorio è legato al destino di Macugnaga “ hanno detto i partecipanti al termine della riunione. Sul piatto della discussione il futuro del comprensorio sciistico del Belvedere e del Moro.
All’incontro con Carosso c’erano anche i vertici della società Monte Rosa 2000. Il soggetto a cui è in capo l’ammodernamento degli impianti di risalita del Belvedere. “ Dobbiamo fare presto. Settimana prossima avrò un nuovo incontro con Monte Rosa 2000 per entrare nel merito della partita “ ha sottolineato il sindaco Bonacci. A quell’appuntamento si presenterà con le cartografie per valutare meglio una possibile strategia.
Come detto al tavolo dell’assessorato alla montagna c’era anche il consigliere leghista Preioni. “ Si va verso la costruzione di cabinovia e la società vercellese si occuperà della progettazione “ ha spiegato il capogruppo del Carroccio a Palazzo Lascaris.
Si lavora anche per il futuro del comprensorio del Moro. A fine anno scade la vita tecnica dell’impianto. Il Comune è al lavoro per la programmazione degli interventi e per salvare così la stagione invernale 2022 2023. “ Nella speranza- aggiunge Bonacci – che il prossimo inverno non sia avaro di neve come quello che stiamo vivendo “.

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa