logo1

Incarcerato ingiustamente: lo Stato risarcirà un domese

Lo ha stabilito la corte d'Appello di Reggio Calabria, alla quale si è rivolto l'uomo, assistito dall'avvocato Marisa Zariani

 
 

 
Detenuto ingiustamente: lo Stato dovrà risarcire con oltre diecimila euro un uomo di Domodossola. Lo ha stabilito la corte d'Appello di Reggio Calabria, alla quale si è rivolto l'uomo, assistito dall'avvocato Marisa Zariani, ha condannato il Ministero dell'Economia al pagamento della somma per l'ingiusta detenzione subita.
L'uomo era stato sottoposto a fermo, ma il Gip non aveva poi emesso la misura cautelare ed era stato scarcerato il giorno dopo. Poi, era stato nuovamente arrestato su ordinanza di custodia cautelare di un altro gip e nuovamente rimesso in libertà circa tre settimane dopo. In totale il domese ha trascorso in cella 23 giorni. Successivamente è stato assolto in via definitiva da tutte le accuse.
I giudici hanno rilevato che non esistevano indizi di colpa grave a carico dell'uomo. La somma prevista per i giorni di ingiusta detenzione è stata poi raddoppiata per le conseguenze piscologiche riportate dall'uomo, che era incensurato.
In totale gli saranno corrisposti più di diecimila euro.
 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa