logo1

Il caso Rom anima il dibattito politico a Omegna

 

Sull'argomento conferenza stampa della minoranza. La vice sindaco : "Abbiamo a cuore soluzione dignitosa"

La questione Rom torna ad infiammare la politica omegnese. Ieri c'era stata una conferenza stampa della minoranza, cui ha risposto il vice sindaco Mimma Moscatiello. " Abbiamo constatato che la nuova amministrazione- cosi i consiglieri comunali Stefano Strada e Mattia Corbetta e l'ex primo cittadino Paolo Marchioni-  ha deciso di bloccare l'iter per lo sgombero del campo a Verta: c'è una sentenza del tribunale di Verbania che è stata confermata anche dalla  Corte d’Appello di Torino , che prevede il rilascio dell’area ed il pagamento delle spese di giudizio a favore del comune. A questo punto- cosi gli esponenti di Lega e Fratelli d’Italia- chiediamo se l’amministrazione abbia intrapreso azioni concrete per trovare una soluzione abitativa diversa da quella attuale per i rom e quali siano i tempi per il rilascio dell’area. Non solo: ci piacerebbe sapere se è vero che la giunta intenda rinunciare al rimborso per le spese di giudizio, creando cosi un danno erariale al comune-hanno chiesto gli esponenti della minoranza. " Questa amministrazione- ha replica il vice sindaco Mimma Moscatiello-  ha a cuore una soluzione che sia dignitosa  per le persone coinvolte e che rispecchi il rispetto e l'umanità che non devono mancare mai.Per questo è stato attivato un tavolo di lavoro finalizzato proprio alla gestione di questa problematica, che vede la presenza di Ciss, Caritas, San Vincenzo, Chiesa Evangelica, comune di Madonna del Sasso oltre ovviamente a noi. Il prima possibile, lo diciamo chiaro- ha aggiunto il vice sindaco con funzione di reggente-  verrà trovata la soluzione giusta. Non è nostro interesse avere un'area impegnata, non decorosa, dove vivono delle persone: ogni persona ha diritto ad una abitazione. E' sconveniente, penoso, non decoroso e vergognoso  che questa famiglia, che non ha mai dato problemi a nessuno, viva da 12 anni in un accampamento. Quell'area deve tornare ad essere uno spazio a disposizione di tutti i cittadini". Moscatiello ha anche precisato che il comune non intende rinunciare alle spese di giudizio. " "Per noi però non è più tempo di ricorsi, sentenze, giudici, appelli ed avvocati: noi troveremo semplicemente una soluzione per questa famiglia" 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa