logo1

Calato il sipario sul Walsertreffen

Ornavasso ha passato il testimone alla cittadina austriaca di Lech

Più di 15 mila i visitatori in tre giorni di eventi. E’ il bilancio finale dell’edizione ossolana del Walsertreffen, il raduno internazionale delle genti walser. . Un evento che si rinnova ogni tre anni. Sono arrivati dall’Italia ma anche dalla, Svizzera, Austria, Liechtenstein e Francia.
Le colonie walser del Verbano Cusio Ossola di Formazza, Macugnaga e Campello Monti hanno presenziato ad Ornavasso con un proprio stand.
Si stima che domenica ad Ornavasso siano arrivate circa 10 mila persone per assistere alla sfilata. Due ore di applausi per le 1.630 le persone in costume che hanno rappresentato 42 gruppi storici e folcloristici. Un percorso lungo circa un km dalla chiesa parrocchiale sino a piazza XXIV.
Partecipato anche il momento religioso con omelia in tedesco del Vescovo di Novara, Monsignor Franco Giulio Brambilla
Dal punto di vista economico turistico il raduno ha avuto ricadute positive : 1481 pernottamenti nell’area del Lago Maggiore, Lago di Mergozzo e Bassa Ossola, ai quali bisogna aggiungere accompagnatori e singoli ospiti.
L’evento è stato imponente anche dal punto di vista dell’organizzazione. Grazie al contributo economico della Regione Piemonte e del Comune di Ornavasso, 18 bus di VCO Trasporti hanno garantito il collegamento tra le strutture ricettive ed Ornavasso, con 166 viaggi e 3391 persone trasportate, mentre 6 trenini turistici e 4 navette hanno permesso ai partecipanti di raggiungere i 5 punti di degustazione organizzati ad Ornavasso nelle giornate di venerdì e sabato e di visitare il Santuario del Boden, la chiesa della Guardia (con il concerto del Coro Polifonico Novo Cantico), l’Antica cava di marmo
Funzionante una struttura coperta di oltre 2000 metri quadrati di superficie che ha consentito di servire oltre 2500 pasti, con 110 camerieri al lavoro . Per i visitatori sono stati allestiti 3 punti ristoro.
Sono stati inoltre una cinquantina i bambini di Ornavasso che, come “alfieri”, hanno collaborato alla buona riuscita della manifestazione, con il Gruppo Walser e il Gruppo Rigaden di Ornavasso e “Donne di Migiandone”, mentre gli studenti dell’Istituto Dalla Chiesa di Omegna hanno curato le visite guidate in lingua tedesca di chiese e musei. Logistica e sicurezza sono stati gestiti da AIB, Protezione Civile e Volontari del Soccorso di Ornavasso, mentre il Corpo Musicale Santa Cecilia di Ornavasso, con la banda “gemellata” di Naters nel Vallese, ha aperto la sfilata. Domenica Ornavasso ha passato il testimone passa al comune walser di Lech, in Austria. Appuntamento al 2025 .

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa