logo1

Fallimento Cover Energy Holding: aperto il processo per la bancarotta fraudolenta

Dopo il patteggiamento davanti al Gup di Dal Ben oggi prima udienza per i quattro imputati della 'cordata inglese'

 
 

verbania tribunale entrata

Si è aperto questa mattina di fronte al collegio presieduto dal giudice Luigi Montefusco il processo per la bancarotta fraudolenta legata al fallimento dell'azienda Cover Energy Holding. Dopo il patteggiamento davanti al Gup di Giuseppe Dal Ben, amministratore pro tempore della società, oggi prima udienza per quattro imputati, tutti residenti all'estero, Robert Sharrat, Stephen Oxenbridge, Riccardo Gubbioli, e Cristopher Grindal, che rappresentano la “cordata inglese” che secondo il pm Fabrizio Argentieri che coordinò l'indagine della Guardia di Finanza, aveva partecipato alle complesse operazioni societarie, legate a investimenti nel settore eolico, che portarono al fallimento dell'azienda, sancito con una sentenza del Tribunale il 18 dicembre del 2013. Secondo l'accusa, tali operazioni permisero di sottrarre ai creditori 20 milioni di euro. 
Si è costituito oggi parte civile al processo il fallimento della società Italian Natural Energy.
Gli avvocati difensori degli imputati avevano sollevato un'eccezione sulla compatibilità del collegio giudicante che si era espresso in passato su istanze della difesa. Incompatibilità che non sussiste secondo i giudici, che hanno rinviato il processo al prossimo 4 maggio.
 
di Maria Elisa Gualandris
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa