logo1

Minaccia i genitori, arrestato

Intervento della Polizia di Omegna per un quarantacinquenne che ha minacciato più volte i genitori. A Verbania trentenne evade dai domiciliari

polizia auto01

In tre giorni ha reso necessario per tre volte l’intervento della Polizia per minacce ai suoi familiari, fino a quando non è stato accompagnato in carcere. Ore di paura per  il comportamento di un quarantacinquenne omegnese, V. F., già noto alle forze dell’ordine, che, dopo essere rientrato da un lungo soggiorno all’estero, ha preso di mira la famiglia. Ben cinque gli interventi degli agenti del Commissariato di Omegna, diretti dal vice questore Mauro Patera, in pochi giorni. Fino a quando, sabato, sono scattate le manette. Il quarantacinquenne, in evidente stato di agitazione, aveva scavalcato il balcone della casa dei genitori, danneggiando tutto ciò che trovava. All’arrivo dei poliziotti, ha iniziato a minacciarli. Gli agenti per bloccarlo sono dovuti ricorrere allo spray al peperoncino. L’uomo ha anche preso un oggetto bianco, che teneva nella giacca e lo ha lanciato in cortile. I poliziotti se ne sono accorti e sono andati a recuperarlo: si trattava di circa 7 grammi di cocaina. Ora è in carcere, a disposizione del magistrato. Vista la particolare pericolosità del soggetto, la Polizia di Omegna ha predisposto un corposo rapporto per la Procura.

 

 

Intorno alle 20 di ieri, invece, al 113 della Questura è arrivata una chiamata insolita. Un pregiudicato di 30 anni, agli arresti domiciliari, diceva all’operatore: “Mandatemi una pattuglia, voglio tornare in carcere!» Subito sul posto si è precipitata la Volante, ma l’uomo non era in casa. Sono così partite le ricerche. Alle 22,30 è stato lui stesso a presentarsi in Questura. Purtroppo per lui, però, il suo desiderio non è stato accolto. E’ stato infatti denunciato per evasione e rimesso ai domiciliari. 

 M.e.g.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa