logo1

Tentata aggressione a Domodossola ai danni di una giovane donna

domodossola municipio 2014 09

Pizzi : " Le ho espresso la solidarietà di tutta la collettività. Determinato a stroncare sul nascere qualunque situazione che possa scatenare pericolo"

 

 
 
Tentata aggressione martedì sera, dopo le 22,30, a Domodossola. Vittima una ragazza che era appena uscita dal negozio dove lavora. La donna aveva chiuso tardi la sua attività e stava rincasando, quando ha udito il suo cane abbaiare. Si è girata e s'è trovata di fronte uno straniero, un uomo della pelle olivastra, probabilmente un asiatico, che ha cercato di strapparle la borsa che aveva con sè. La protezione del suo cane l'ha salvata dallo scippo. L'extracomunitario si è allontanato facendo perdere le tracce.
 
L'episodio è stato denunciato della stessa ragazza alla Polizia di Domodossola che sta indagando sull'accaduto. Indagini non facili perché in quel tratto di via Castellazzo, dov'è avvenuto il fatto, non ci sarebbero telecamere di sicurezza.
 
La Polizia si è subito attivata ed ha eseguito dei controlli tra i migranti ospiti a Domodossola perché il giovane aggressore potrebbe essere rimasto graffiato ad un braccio. ''Non abbiamo rilevato nulla tra i migranti ospiti in città'' conferma però la Polizia di Domodossola.
 
L'episodio ha fatto scattare la reazione del sindaco Lucio Pizzi, che solo ieri aveva scritto al Prefetto chiedendo l'allontanamento del migrante sospreso a fare il posteggiatore abusivo.
 
''Un fatto gravissimo quello dell'aggressione - commenta il sindaco - . L'ennesima spia di un'insicurezza che a Domodossola non intendo tollerare. Farò tutto quanto è nelle mie possibilità per stroncare sul nascere qualunque situazione che possa generare pericolo o delinquenza''.
 
Pizzi rilancia il problema dei migranti che arrivano da fuori città.
 
''Partono da Orta San Giulio o da altre località del Novarese per venire qui a chiedere l'elemosina davanti a bar, centri commerciali, negozi - aggiunge il sindaco - per poi rientrare a fine giornata 'lavorativa' ai loro centri di ospitalità. Si tratta di clandestini ospiti di centri nei quali c'è un continuo ricambio di persone che nessuno conosce''.
 
Gioventù Nazionale di Domodossola ha diramato nel pomeriggio un comunicato nel quale esprime vicinanza alla donna aggredita e si dichiara a fianco del sindaco Pizzi per le sue azioni atte a garantire asicurezza in città.
 
di Renato Balducci
 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa