logo1

Giornata da bollino rosso per Soccorso alpino civile e Sagf

Solo nelle ultime ore quattro interventi, sempre in aiuto a cercatori di funghi dispersi o feriti
 
 
 
soccorso alpino ricetrasmittente
 
 
Quattro interventi in montagna in meno di 24 ore, tutti in Ossola, e sempre per prestare soccorso a cercatori di funghi feriti o dispersi. E' stata una giornata da bollino rosso per il soccorso alpino civile e per il Sagf, le cui unità oggi pomeriggio sono state chiamate ad intervenire in più occasioni, a Trontano e in Valle Vigezzo. Ed è stato proprio nella Valle dei Pittori che si sono evidenziate le maggiori criticità. La prima chiamata è scattata intorno alle 12.30 per due persone disperse nei boschi a monte del campo sportivo della Praudina, a Santa Maria Maggiore, alle pendici della Costa di Fracchia, dove un settantatreenne di Busto Arsizio è scivolato e nel volo si è procurato vari traumi ed escoriazioni: sul posto il soccorso alpino valligiano e il Sagf di Domodossola; l’uomo è stato trasferito con l’elicottero del 118 al San Biagio. Sempre nel pomeriggio allarme anche alla Piana di Vigezzo dove un milanese di 76 anni si è smarrito mentre cercava funghi nei boschi che digradano verso Arvogno: prontamente sono state avviate le ricerche ma il pensionanto è riuscito fortunatamente a fare ritorno da solo alla macchina. E’ andata bene anche al quarantottenne di Castellanza, in provincia di Varese, che sempre oggi pomeriggio si è smarrito nei boschi di Trontano: quasi tre ore di intervento, sotto la pioggia battente e in una zona particolarmente accidentata, quella compresa tra l’alpe Briasca e il rio Margologio, che ha visto impegnati gli uomini del soccorso alpino civile e del Sagf di Domodossola. In questo caso i soccorritori sono riusciti a tracciare la posizione del fungiatt con il sistema SMS Locator, andando  circoscrivere di molto l'area delle perlustrazioni. E se è stato un pomeriggio di superlavoro, non era andata meglio la notte precedente: dalle 9 di ieri sera il soccorso alpino vigezzino e il SAGF sono stati impegnati sempre sui monti di Arvogno di Toceno: oltre quattro ore di intervento per trarre in salvo un settantaquattrenne di Voghera, scivolato in un canalone. E’ stato raggiunto dai soccorritori alle 23 e trasportato con la barella a spalla fino alla strada, raggiunta dopo la una e mezza di notte. Quindi da qui con l'ambulanza di valle al San Biagio: il cercatore di funghi pavese ha riportato escoriazioni in varie parti del corpo ma le sue condizioni non sarebbero definite gravi.
 
di Marco De Ambrosis
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa