logo1

Omesso smaltimento dei rifiuti derivanti dalla ristrutturazione del Lido di Suna

Denunciate due persone per gestione illecita di rifiuti 

 

suna lido finanza

 
Irregolarità nello smaltimento dei rifiuti sul cantiere per la ristrutturazione del Lido di Suna, arrivano le sanzioni dei Carabinieri Forestali. Nei giorni scorsi, infatti, il Nucleo Investigativo Forestale del Vco ha proceduto a verificare le modalità di smaltimento dei rifiuti derivanti dai lavori di ristrutturazione dell’immobile demaniale del “Lido di Suna”, assegnato dal Comune in concessione a Versoprobo s.c.s. di Vercelli. I militari hanno chiesto all’impresa esecutrice dei lavori di mostrare i documenti di tracciabilità dei rifiuti, previsti dalla legge. Il titolare della ditta, che ha sede legale a Milano, ha presentato un formulario di trasporto dei rifiuti che attestava il regolare smaltimento in un impianto di Gattinara. I rifiuti prodotti derivano in particolare dal rifacimento dei servizi igienici e delle cucine di cui risulta dotato il Lido e dall’abbattimento di vecchi manufatti. Per verificare la fondatezza di quanto indicato nel formulario, i militari del Nucleo sono andati alla sede dell’impianto di destinazione dei rifiuti, il cui personale risultava aver sottoscritto il formulario, attestando così la regolarità del conferimento effettuato. Gli addetti alla
ricezione dei rifiuti dell’impianto di Gattinara hanno però disconosciuto la sottoscrizione del documento. Hanno inoltre dichiarato che il giorno del conferimento indicato nel formulario (2 giugno 2017) l’impianto era completamente chiuso per festa nazionale. A conferma di tale circostanza è stata estratta una copia del registro di carico e scarico dell’impianto. In seguito al sopralluogo al Lido, i forestali hanno trovato una piccola parte dei rifiuti nel terreno di pertinenza della struttura. La restante parte delle macerie non è stata invece rintracciata. Il titolare della ditta esecutrice dei lavori e il responsabile del cantiere sono così stati denunciati per gestione illecita dei rifiuti. L’impresa deve anche versare sanzioni amministrative per un totale di 9600 euro. 
 
di Maria Elisa Gualandris
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa