logo1

Sfruttamento della prostituzione, cinese condannata a due anni e mezzo


Condanna a due anni e mezzo per la titolare del centro massaggi cinese Honk Kong ad Arona per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione

 
 

verbania tribunale entrata

 
 
Condanna a due anni e mezzo di carcere, con interdizione dai pubblici uffici e dall’esercizio della tutela e curatela per la donna di nazionalità cinese ex titolare del centro di massaggi Honk Kong ad Arona. La donna era accusata di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Questa la sentenza emessa dal collegio dei giudici del Tribunale di Verbania oggi. La pm Sveva De Liguoro aveva chiesto la condanna a 4 anni e due mesi. 
Il centro massaggi era stato chiuso dai Carabinieri lo scorso marzo. A dare nell’occhio il continuo via vai dal negozio anche in orario serale di clienti, sempre uomini. Alcuni di essi erano stati ascoltati dai militari e avevano spiegato che con un pagamento di 20 euro in più il massaggio terminava con prestazioni sessuali. 
La giovane che lavorava nel centro, oggi ascoltata come testimone, ha ritrattato la testimonianza inizialmente resa, negando che l’imputata fosse la titolare del centro. Ha sostenuto che il verbale dei Carabinieri, che pure aveva firmato, non fosse corretto. La pm ha chiesto la trasmissione degli atti alla Procura affinché la ragazza venga indagata per falsa testimonianza e calunnia.
 
M.e.g.
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa