logo1

Bracconiere denunciato in Ossola

 

Il domese era incappato in un altro controllo solo un anno fa

Bracconiere recidivo nuovamente segnalato all'autorità giudiziaria grazie ad un'operazione congiunta di Polizia Provinciale del VCO e Polizia Stradale. Si tratta di un domese, SF le sue iniziali, poco più che trentenne. Già nel novembre 2020 era stato fermato e denunciato dalla Polizia Provinciale al rientro da una battuta di caccia notturna - fortunatamente andata a vuoto- in val Bognanco. Arma e munizioni gli erano state sequestrate, comminate alcune sanzioni. Era stato segnalato alla Questura per l'eventuale sospensione del porto d'armi uso caccia. Nel corso dello scorso anno il bracconiere aveva definito la sua pendenza con la giustizia penale con contestale dissequestro di arma e munizioni. Ricorso alla Provincia dello stesso per le violazioni amministrative (multa da 1700 euro) respinto e quindi impugnato dall'uomo ricorrendo al Giudice di Pace con udienza il prossimo 21 dicembre. Nel frattempo, il bracconiere è stato nuovamente pizzicato, sabato scorso. Erano le 4 di notte quando la Polizia Stradale di Verbania ha intercettato un veicolo alle porte di Domodossola, proveniente da Villa, che nonostante le ripetute segnalazioni con invito a fermarsi, ha cercato di far predere le proprie tracce tra le vie cittadine, finendo però in una strada senza uscita. Dal controllo del mezzo sono stati riscontrati un'arma a bordo e un ungulato abbattuto. Allertati gli agenti della Polizia Provinciale; giunti sul posto hanno constatato che a bordo del veicolo c'era un capriolo maschio il cui prelievo non è più consentito nella stagione venatoria in corso. Si trattava quindi di un'azione di bracconaggio. Sequestrati l'arma utilizzata per l'abbattimento, le munizioni, la torcia e l'animale. Verrà avanzata alla questura del VCO e alla Prefettura la richiesta della sospensione del porto d'armi uso caccia in quanto soggetto recidivo. A carico del domese ancora violazioni penali ed amministrative in materia di attività venatoria nonché per l'utilizzo improprio delle armi. E' la stessa arma usata lo scorso anno, sequestrata e poi dissequestrata, ad essere stata impiegata per commettere la nuova azione di bracconaggio.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa