logo1

Sevizie ad un cane a Craveggia, indagano i Carabinieri

Forse è stato bruciato con un cannello da saldatura, è ricoverato nella clinica veterinaria di Malesco

 

craveggia cane

 

Saranno i Carabinieri di Santa Maria Maggiore a indagare sulle ustioni e le sevizie inferte a Bruto, un bel cane da pastore di circa 3 anni, da venerdì scorso ricoverato alla clinica veterinaria di Malesco in gravissime condizioni. A portare il cane dal veterinario Federico Cavalli è stato il padrone, un allevatore di capre della zona di Craveggia. L’uomo ha riferito di aver visto Bruto rientrare la sera prima con le ustioni. Il giorno dopo lo ha portato dal veterinario. Cavalli ha subito notato che si trattava di lesioni strane, sicuramente non accidentali, ma inferte da qualcuno che ha voluto fare del male al cane, forse con un cannello da saldatura. Le lesioni sono localizzate su gran parte del corpo: inguine e tronco. Il dottore ha somministrato una terapia del dolore per ridurre il più possibile le sofferenze di Bruto che ora sta meglio: oggi finalmente ha mangiato, dopo giorni in cui rifiutava il cibo. “La prognosi è in via di miglioramento - dice Cavalli -, ma c’è molto tessuto necrotico che poi nei prossimi giorni si staccherà e quindi bisognerà procedere con un trapianto di cute o con un intervento di chirurgia plastica”. Il padrone del cane, sollecitato dal veterinario, ha sporto denuncia ai Carabinieri, ai quali è stata anche consegnata la relazione del veterinario. La speranza è che Bruto si possa riprendere al più presto e che chi gli ha voluto infliggere grandi sofferenze a un animale innocente possa essere al più presto scoperto e denunciato. Ricordiamo che chi maltratta un animale rischia fino a 5 anni di carcere.

 

di Maria Elisa Gualandris

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa