logo1

Mamadou ed il sogno chiamato basket

mamadou diallo

Ancora una volta dallo sport una bella storia di integrazione: quella di Mamadou, che gioca nella squadra di Promozione dell'Oleggio Basket e sogna di essere giocatore di basket a tutti gli effetti

Dal Senegal con il sogno di costruire il proprio futuro, passando dalla pallacanestro. L’Oleggio Magic Basket da circa un mese e mezzo ha accolto nella squadra di Promozione Mamadou Diallo, senegalese classe 1982, che gioca nel ruolo di centro e che da tre mesi è al Centro di accoglienza straordinaria di Comignago gestito dalla cooperativa Versoprobo. LA SUA STORIA. Mamadou, primo di tre fratelli, ha iniziato a giocare a pallacanestro da piccolo, tutti i pomeriggi dopo la scuola. Quando è rimasto orfano della madre, nel 1996, si è trasferito in Mauritania il fratello di mezzo per trovare un impiego e continuare comunque a giocare. E’ rimasto nel Paese per 12 anni: nel 2008 si è trasferito in Libia grazie a una raccomandazione di lavoro e a un posto nella squadra di casa. Dopo il primo anno però sono iniziati i problemi: Mamadou ha perso il lavoro e anche la possibilità di giocare e ha trascorso otto anni di spostamenti, sempre all’interno della Libia, per poter lavorare e mettere da parte soldi per sé e i suoi fratelli. E’ di qualche mese fa la partenza per l’Italia, l’arrivo in Sicilia, poi a Settimo e infine Comignago. Mamadou durante il giorno studia l’italiano e finalmente ha ripreso la sua attività sportiva preferita, con tutto il corredo per poterlo fare al meglio. Le parole dell’atleta: «La mia è una famiglia di sportivi, i miei zii erano arbitri di basket e spesso mi portavano con loro in palestra, a casa si respirava quello sport, per cui non potevi non innamorartene. Mi è subito piaciuto e mi è anche spiaciuto tanto non poter giocare per tanti anni e infatti adesso mi accorgo di essere un po’ rigido, ma mi sto riprendendo; vorrei fare il giocatore, so che è difficile, che devo prima imparare bene la lingua, avere tutti i miei documenti, ma essere qui a Oleggio e poter giocare per me è davvero bello, mi serve perché mi sfogo, perché sto bene con i compagni. Grazie a tutti». Le parole dell’allenatore Alessandro Mattea: «Siamo contenti si possa allenare qua con i ragazzi, sarebbe anche bello farlo giocare davvero durante la partite, ma mancano alcuni documenti. E’ oltre un mese e mezzo che è con noi e si è subito ambientato». I compagni: «Al di là della lingua, che di fatto è l’unica difficoltà che abbiamo per interagire con lui, siamo contenti si stia allenando con noi, si è subito inserito, è un ragazzo socievole, disponibile, si vede che è disposto a imparare la lingua perché cerchiamo comunque di parlare; ha molto forte il senso di amicizia, tramite Yussu ha chiesto alcune cose, è stato contento di avere il braccialetto della società che ha sempre al polso e che ha detto che così potrà portarlo con sè»

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

Sport

Domenica, 23 Gennaio 2022
Eccellenza pari nel big match
Domenica, 23 Gennaio 2022
Colpo della Rg Ticino
Domenica, 23 Gennaio 2022
Verbania-Pro Eureka 1-1 tra le polemiche
Domenica, 23 Gennaio 2022
Mamy, vittoria pesantissima

Pubblicità-sport

loghi sport

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa