logo1

Quarta magia di Ganna nel Giro di GeogheganHart

Il Giro d’Italia finisce con il quarto successo di tappa di Filippo Ganna che anche nella cronometro di Milano strapazza tutti precedendo di oltre 30 secondi Campenaerts, per il vignonese quattro vittorie di tappa, il Giro va al britannico Tao Geoghegan Hart…

Una potenza sprigionata sui pedali della sua ormai leggendaria Pinarello dorata che varia tra i 500 ed i 540 watt, spesso oltre il 50% di soglia, rapporto lunghissimo con la corona del 58 davanti e l’11 dietro, una velocità costante sui 60 km orari con la punta massima di 67 km orari rilevata dalla motocronaca Rai tra i meneghini Corso Buenos Aires e Corso Venezia. Questi i numeri, e scusate se siamo stati un pochino tecnici ma fidatevi che sono numeri di altissimo livello, coi quali Filippo Ganna ha vinto l’ultima tappa del Giro d’Italia, la cronometro di 15.7 km tra Cernusco sul Naviglio e Milano. Il vignonese iridato ha sgretolato gli intertempi precedenti che vedevano il belga detentore del record dell’ora Victor Campenarts del Team NTT che era in prima posizione. Sul traguardo di Piazza Duomo, praticamente deserta, Ganna fa segnare un 17’16’’ alla media di 54.566 km orari. L’unico che pareva poter battere il tempo di Filippo era il compagno Rohan Dennis, attivissimo nelle ultime tappe, ma l’australiano con un 17’48’’ è addirittura terzo. Ganna dunque ha vinto la sua quarta frazione personale con 31’’ sul belga e con 32’’ sul compagno di squadra, festa che in casa Ineos Grenadier è ancor più esplosa quando il britannico Tao Geoghegan Hart ha tolto la maglia rosa all’australiano Jay Hindley, che negli anni scorso da dilettante è stato protagonista anche al Gp Caduti Briga, vincendo il Giro d’Italia, un Giro che se per il team britannico era partito male con il ritiro di Geraint Thomas, capitano designato, è terminato con 7 successi di tappa e con una maglia rosa forse inattesa. Ci sarà tempo e modo nei prossimi giorni per giudicare e per analizzare nei dettagli il Giro di Filippo, che peraltro era alla sua prima corsa a tappe, una cosa però va detta; Filippo Ganna dopo questa corsa rosa è definitivamente maturato, diventando una delle figure di riferimento sulle quali costruire il futuro del ciclismo italiano, giunto ad un ricambio generazionale, un futuro nel quale, siamo certi, si parlerà molto di lui…  

Foto Rcs: Ganna e Geoghegan Hart provano il tracciato della cronometro

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

Ultime news

Venerdì, 04 Dicembre 2020
Domo, annullato il mercato del sabato
Venerdì, 04 Dicembre 2020
Coronavirus. Il Bollettino regionale
Venerdì, 04 Dicembre 2020
" Museo dentro, museo fuori"
Venerdì, 04 Dicembre 2020
Neve, caos a livello viario

Pubblicità-sport

loghi sport

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa