logo1

Il grande cuore del Giro d’Italia…

I fiori posati da Vegni e Bellino insieme al sindaco Marcella Severino di fronte alla partenza della funivia, i corridori che decidono di devolvere i premi della tappa di oggi al piccolo Eitan: è il cuore del Giro d’Italia, che non è rimasto insensibile alla tragedia della scorsa domenica…

Una corona di fiori rosa, posata fuori dalla stazione di partenza della Funivia Stresa-Mottarone a Carciano, la breve cerimonia ha visto presenti il sindaco di Stresa Marcella Severino, il direttore generale di RCS Sport Paolo Bellino ed il direttore del Giro D’Italia Mauro Vegni. I corridori del Giro-E, partiti proprio da Stresa hanno corso con il luto al braccio. Non solo; l’associazione corridori professionisti (Cpa) ha deciso di devolvere l’intero montepremi della tappa (circa 40mila euro) in favore del piccolo Eitan, l’unico sopravvissuto alla strage della funivia del Mottarone. La tappa odierna, la Abbiategrasso-Alpe di Mera, sarebbe dovuto transitare sulla salita a picco sul Lago Maggiore. Ma, dopo la sciagura di domenica scorsa, d’accordo con le autorità e su richiesta della Regione Piemonte e del ministro dei Trasporti Giovannini, l’organizzazione della Corsa Rosa ha deciso di evitare l’ascesa di prima categoria.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa