logo1

Il Giro di Ganna, roba da campioni…

Giro d’Italia da applausi per Filippo Ganna, per lui in due partecipazioni ci sono sei vittorie di tappa e cinque giorni in maglia rosa col record di cinque crono consecutive portate a casa, ora niente Tour, come qualcuno ha ventilato ma Olimpiadi e mondiali a crono come grandi target…

I più avvezzi a ciclistiche cose avranno certamente notato che il Giro d’Italia del 2021 per Filippo Ganna, ormai definitivamente entrato nell’olimpo dell’universo ciclistico mondiale e in questi 21 giorni si è visto eccome, è stato diverso da quello dell’anno prima. Se nel 2020 il ritiro del capitano Geraint Thomas aveva dato via libera agli attacchi dei vari componenti della Ineos Grenadier nel 2021 tutti sono stati al servizio di Egan Bernal che dopo il Tour de France del 2019 ha messo in carniere anche il successo al Giro. Al di là di questo il Giro del vignonese è stato qualcosa di eccezionale sotto vari aspetti. Un Ganna in versione ‘team mate’ per dirla all’inglese che insieme a Martinez, Moscon e Puccio si è dimostrato uno scudiero ineccepibile per il successo del colombiano: Un Filippo che tira il gruppo con la maglia rosa che sapeva di dover lasciare, un Filippo che mena le danze in salita, in discesa ed in pianura facendo grande selezione, Filippo che, per esempio, in un amen riporta in gruppo proprio Martinez, ultimo uomo di Bernal in salita, rimasta intruppato nelle retrovie, venerdì lungo i rettilinei tra Gravellona ed Omegna, è stato qualcosa di davvero notevole: “Avrei anche sacrificato il successo nell’ultima crono per permettere a Egan di arrivare in rosa a Milano” ha detto Pippo a fine Giro ed il colombiano lo ha abbracciato, poco prima di alzare al cielo il ‘Trofeo senza fine’, ricordando che non è così scontato che un atleta con addosso le insegne del primato debba comportarsi così. E poi c’è il Ganna che vince; per lui due Giri corsi, sei vittorie di tappa e cinque giorni in maglia rosa. Peraltro col successo di Milano Filippo diventa il primo italiano a vincere cinque crono individuali consecutive al Giro: Palermo, Valdobbiadene e Milano nel 2020, Torino e Milano nel 2021, battendo il record che era di Francesco Moser che vinse a Lucca, Milano e Verone nel 1984 e ancora a Verona nel 1985 prima di essere battuto da Bernard Hinault a Maddaloni fermandosi a quattro. Non male davvero. Ed ora? Qualcuno ha ventilato di andare anche al Tour ma non si farà: “Quando me lo hanno ventilato a mo di battuta ho detto no grazie, ora altura e preparazione in pista, l’obiettivo – ha detto Pippo sempre nel post gara di Milano – sono le olimpiadi in pista e nella crono ed il mondiale contro il tempo, per tenere la maglia iridata”. La stagione del corazziere di Vignone entra nel vivo.        

 

 

 

 

 

 

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

Ultime news

Venerdì, 24 Settembre 2021
Baveno investe in lavori pubblici
Venerdì, 24 Settembre 2021
" Liberi di imparare "

Pubblicità-sport

loghi sport

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa