logo1

Parte il Giro Donne, c’è Elisa che guarda alle tappe…

Dieci tappe, un percorso molto duro ed il ritorno nel World Tour; giovedì parte il Giro d’Italia Donne, il via dalla Sardegna e l’arrivo a Padova. C’è Elisa Longo Borghini che però non lo interpreterà a fini di classifica…

Riparte il Giro d’Italia Donne, corsa a tappe che torna nel circuito UCI World Tour femminile e che da questa stagione avrà anche la rivalità del Tour de France Donne che torna in calendario. Organizza Starlight di patron Ruini per il secondo anno consecutivo. Giovedì il via con tre tappe in Sardegna: un breve prologo a cronometro sul lungomare del Poetto di Cagliari (4.7 km), seguite da due tappe in linea: la Villasimius-Tortolì di 106 km e la Cala Gonone-Olbia di 113.4 km, entrambe dal percorso mosso. Lunedì 4 luglio dopo un giorno di riposo si torna in continente con la Cesena a Cesena di 121 km caratterizzata dalle salite di Bertinoro, del Colle Barbotto e di Monteleone, salite che faranno classifica. Proseguendo sarà probabile volata nella Carpi-Reggio Emilia il 5 luglio, sarà tappa da attaccanti la Grumello-Bergamo del giorno successivo (con quattro passaggi sullo strappo di San Pantalone ed il classico muro di Bergamo Alta nel finale). Saranno decisive le frazioni successive, su tutte quella di giovedì 7 luglio da Prevalle al Passo Maniva di 112 km con arrivo in salita. Ancora salite il giorno dopo nella Rovereto-Aldeno (104.7 km) con il durissimo Passo Bordala e la salita del Lago di Cei. Durissima la penultima frazione di 112.8 km da San Michele All’Adige a San Lorenzo Dorsino, farcita dalle salite di Fai della Paganella, Passo Durone e Passo del Daone, punto più alto della corsa. Il Giro terminerà domenica 10 luglio con i 90.5 km della Abano Terme-Padova dove in Prato della Valle sarà celebrata la vincitrice del Giro. Al via Elisa Longo Borghini, con la maglia della Trek Segafredo; per lei un Giro da interpretare in modo differente, guardando alla squadra ed alla vittoria di tappa, senza pensare alla classifica. Le favorite? La solita Annemiek Van Vleuten ma attenzione all'azzurra della Fdj Marta Cavalli...

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa