logo1

Bergen 2017: domani via alle corse in linea

bergen logoAi mondiali di Bergen 2017 da domani spazio alle gare in linea. Sabato attenzione a Rubino tra gli juniores ed alla nostra Longo Borghini tra le donne elite. Gare veloci, lo strappo di ‘Salmon Hill’ lontano dall’arrivo ma finale tortuoso. Intanto il francese David Lappartient eletto presidente UCI e si avvicina Vicenza 2020.

Terminate le prove a cronometro con la bella vittoria dell’olandese Tom Dumoulin, già vincitore del Giro 100, nella particolare prova che terminava in salita al Mont Foyen (mai prima di questo 2017 il mondiale a cronometro era terminato così in alto) e dopo le comunque belle soddisfazioni azzurre con tra le donne junior l’oro con Elena Pirrone e l’argento con Alessia Vigilia, con il bellissimo argento del varesino Antonio Puppio (già diretto da Marco Della Vedova) tra gli juniores e con la bella prova di Gianni Moscon, sesto tra gli elite (bravo Cassani, non era una crono per Ganna) è il momento di iniziare con le gare in linea. Già domani spazio alle donne juniores (Italia super favorita con Letizia Paternoster, Martina Fidanza, Nicole D’Agostin, Vittoria Guazzini, ed Elena Pirrone) ed ai maschi Under 23 ma per noi occhi puntati soprattutto a sabato con le prove dei maschi juniores e delle donne elite. Dapprima alle 9.30 (arrivo 12.45) ecco la prova degli juniores. Partenza da Rong, primo tratto in linea di 39.5 km, un giro incompleto del circuito e quattro giri completi per un totale di 13.8 km di corsa. La fase tattica più importante sarà lo strappo di ‘Salmon Hill’, la Collina del Salmone, salita di 1500 metri con pendenza massima al 7.8 % lontana però oltre 10 km dall’arrivo. Un circuito veloce ma tortuosetto nel finale che potrebbe vedere l’arrivo di un gruppettino comunque folto. Il CT Rino De Candido ha scelto Andrea Bagioli, Luca Colnaghi, il campione europeo e prima punta della squadra Michele Gazzoli, Andrea Innocenti, Giulio Masotto, Fabio Mazzucco, Luca Rastelli, Filippo Zana e Samuele Rubino. Una formazione certamente competitiva con atleti che hanno la stoccata vincente. Rubino, al primo anno in categoria, potrà essere prezioso in corsa e nel caso non avrebbe problemi a giocarsi il colpo grosso. Come sempre tra gli juniores pronosticare è però impossibile. Nel pomeriggio poi spazio alla gara delle donne elite con la nostra Elisa Longo Borghini che dopo una cronometro bruttina, siamo certi, avrà una voglia matta di rifarsi. Le ragazze correranno senza il tratto iniziale in linea ma dovranno affrontare otto giri del circuito di Bergen con otto passaggi al Salmon Hill per un totale di 152.8 km di corsa. Partenza alle 13.3 ed arrivo alle 17.30. Una gara che potrebbe essere aperta a varie soluzioni, con un gruppetto magari anche abbastanza numeroso selezionato in salita che si gioca il mondiale. Attenzione al finale tortuoso che potrebbe pure proporre qualche azione geniale da parte di qualcuna. Il CT Dino Salvoldi ha scelto oltre ad Elisa Longo Borghini, Giorgia Bronzini, Elena Cecchini, Elisa Balsamo, Sofia Bertizzolo, Rossella Ratto e Tatiana Guderzo. Bronzini e Cecchini parrebbero essere le due prime punte, visto il loro spunto veloce ma attenzione, Elisa i mondiali li ha corsi tutti da protagonista, la maglia azzurra la sente eccome ed anche su percorsi non suoi ha sempre fatto bene, lecito attenderla. Le avversarie? Olandesi da battere con Vos, Van der Breggen e Van Vleuten ma anche Guarnier, Niewiadoma e tante altre. Attenzione alle ruote veloci che tengono sugli strappi come la statunitense Rivera. Tutte le gare in Diretta TV su Rai Sport. Intanto tre notizie interessanti. Dopo un solo quadriennio è terminata la presidenza del britannico Bryan Cookson all’UCI. Questa mattina è stato infatti eletto il francese David Lappartient, presidente uscente della UEC, presidente della Federazione francese e pure sindaco di Sarzeau, comune del dipartimento del Morbihan, in Bretagna. Per lui un plebiscito con 37 voti contro gli 8 di Cookson. Il presidente della FCI Renato di Rocco è stato eletto (41 voti, uno dei più votati) nel direttivo UCI e domani potrebbe anche essere scelto come vice presidente. Sono stati presentati i tracciati dei mondiali di Innsbruck 2018 e sarà una edizione davvero durissima. Infine pur senza esserci stata una decisione definitiva i mondiali del 2020 quasi certamente saranno assegnati a Vicenza, sia per la bontà della candidatura, sia per il ritiro delle candidature di Colombia ed Olanda.

GT

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa