logo1

Il bilancio di Altiora a fine 2016

altea giocoIl bilancio a fine anno solare dell’attività di Pallavolo Altiora, storico sodalizio verbanese, con la prima squadra in Serie C che dopo una partenza difficile si è rimessa in corsa e con buonissime cose dal settore giovanile.

(CS) ALTEA CHIUDE L’ANNO SOLARE CON UNA CLASSIFICA POSITIVA E STIMOLANTE PER L’IMMEDIATO FUTURO. Con un record positivo di sei vittorie e quattro sconfitte la “banda Franzini” dice addio al 2016 con le batterie cariche in vista del finale di girone di ritorno della prima fase che dovrà dire se Altiora è degna di entrare nelle prime 10 squadre della C regionale piemontese oppure finire nel purgatorio dei playout. Situazione che il coach verbanese avrebbe probabilmente sottoscritto in ottobre quando il reparto degli schiacciatori Altiora perse due pedine importanti nell’equilibrio del gioco: Uberti e soprattutto Castanò non sono semplici da rimpiazzare, ma la crescita di Federico Liera e la duttilità di Daniele Borghini hanno permesso di riassettare lo starting six verbanese completato dalle conferme positive dei centrali Martinelli e Traversi, del palleggiatore Miani, dell’opposto Frattini e del libero Fantacone. Tanto poi è arrivato dalla panchina, in particolare da Alessio Faraci, soprattutto durante l’infortunio del regista “Mini” Miani e dall’abnegazione delle altre cosiddette “seconde scelte” (Grandolini, Errico, Vera, Dian e Paternoster) che hanno lavorato sodo pur con pochi spazi di gioco a disposizione. Altiora ora dovrà decidere al più presto il proprio destino: un punto soltanto la separano dalla “top five”, zona che promuove ai play off promozione, ma anche una manciata di punti dividono i verbanesi da Aosta e Cuorgnè che potrebbero contendere, insieme all’Occimiano, proprio a Verbania il passaggio alla seconda fase Elite. Se così non fosse Verbania può essere comunque ottimista: ad oggi 11 dei suoi 15 punti sono arrivati da teoriche concorrenti dei playout e questo è un salvagente assai prezioso per i match primaverili utili ad evitare le retrocessioni in serie D che ad oggi sarebbero due. La ripresa di gennaio è quanto mai scorbutica per Traversi e C. che dovranno affrontare nell’ordine a Novara la capolista e in casa il Pavic, ossia prima e quarta forza del girone A. SETTORE GIOVANILE: PREVISIONI DI RENDIMENTO DEI SETTE TEAM ALTIORA LARGAMENTE RISPETTATE, ORA VIENE IL BELLO. Tutto come da copione per le squadre Under 13 e Under 14 che respirano aria di altissima classifica nei gironi di prima fase. I tre team seguiti da Calcaterra con l’aiuto dei dirigenti accompagnatori Marco Matessich e Fabio Scarpati attendono la ripresa del calendario stagionale con impazienza: l’Under 14 dopo aver terminato al secondo rango il girone D di prima fase nella seconda fase Silver se la vedrà con Acqui Terme, Novi Ligure, Biella e Montanaro con l’obiettivo di centrare i primi due posti del girone H e di conseguenza i primi 8 posti finali della classifica piemontese di categoria. Le due Under 13 sono attualmente al primo e secondo posto del raggruppamento di prima fase e contano di terminare la prima parte di stagione nella miglior posizione possibile per guadagnare un mini girone a tre favorevole per l’accesso a Finale Territoriale e Finale Regionale. Molto bene ha fatto anche il team Ragazzi Under 16 di Franzini che ha terminato il girone C di prima fase al secondo posto dietro il Pavic Romagnano Sesia e proverà in una seconda fase a calendario favorevole (tre match su cinque in casa) a centrare il complicato obiettivo degli ottavi a cui accedono le 8 di Eccellenza più 8 su 23 squadre della fase Silver. Avversarie di Verbania saranno Villar Perosa, Occimiano, Fossano e Ciriè con in programma le probabili e scomode trasferte di Villar Perosa e Fossano. Così così le due squadre Under 12 di Calcaterra che stazionano al momento in settima e nona posizione sulle 12 squadre totali: serve più lavoro in palestra per tutti gli atleti e questo è il regalo di Natale che il coach ha chiesto ai suoi ragazzi in vista della seconda fase e della Finale Territoriale. Chiudiamo con l’Under 18 che ha assaporato il gusto dell’unica vittoria stagionale domenica scorsa a Domodossola e che chiude il girone D di prima fase al quarto posto con una seconda fase assai difficile in programma: tre le partite esterne tutte ad elevato coefficiente di difficoltà, nell’ordine Lasalliano, Novi Ligure e Chisola ed una interna con il Crescentino. Centrare le prime cinque posizioni su 15 della classifica avulsa generale sarà quanto mai complicato per Dian e C.

Comunicato Stampa

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

Sport

Pubblicità-sport

loghi sport

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa