logo1

Un 2016 di alti e bassi per il volley

volley reteL’annata del volley non ha regalato grandi soddisfazioni al nostro sport: Igor tra alti e bassi, la Coppa Italia alla Foppa omegnese, la quinta olimpiade di Leo Lo Bianco, i play off sfiorati da Altiora, l’autoretrocessione di Domodossola, la rincorsa di Rosaltiora, la beffa di Omegna e il beach volley gli attimi da ricordare.  

Il 2016 del volley? Nulla di trascendentale, perlomeno senza tenere in considerazione i campionati iniziati a settembre che si concluderanno nel prossimo anno, storie da rivivere tra 365 giorni. Una annata senza particolari soddisfazioni se non qualche piccola ‘gioia’ che andiamo a rivivere, dai tornei nazionali a quelli interprovinciali.

LA SERIE A

Iniziamo dalla annata della Igor Gorgonzola Novara, abbastanza bruttina, con l’eliminazione prematura dalla Coppa Italia e dalla Champions League, con l’avventura nella Coppa Cev terminata subito. Il 2016 iniziato con l’arrivo di Marco Fenoglio al posto di Pedullà e con l’arrivo della statunitense Fawcett non ha portato a nulla di speciale; i risultati sono rimasti altalenanti, con tanto di qualche problemino per giocatrici come Signorile e Fabris. Dopo aver chiuso al quarto posto la stagione regolare Novara ha ceduto ai play off contro Modena ai quarti di finale, senza per la verità mai essere sembrata nel novero delle favoritissime. La nuova annata sempre con Fenoglio e con tanti volti nuovi ha avuto un momento difficoltoso che però pare superato. In stagione va segnalato il successo in Coppa Italia per una Foppapedretti Bergamo in stampo omegnese con coach Lavarini in panchina e con le leggendarie Paola Cardullo ed Eleonora Lo Bianco in campo, la Lo Bianco poi ha avuto l’onore di partecipare ad una deludente (di certo mica per suo demerito) spedizione azzurra alle Olimpiadi di Rio che ha chiuso la sua inavvicinabile carriera azzurra. Per il resto buone annate, non sempre seguite a positivi risultati di squadra, per le nostre giocatrici ed i nostri allenatori nelle categorie del volley nazionale, avventure che peraltro continuano per coach Bonfantini e per Veronica Minati, Natalia Viganò, Sara Paris e Silvia Agostino.

IL VOLLEY REGIONALE

Partendo dalla C maschile il torneo finito nel 2016 ha visto una grande Altea Altiora che sino all’ultima giornata ha lottato per un piazzamento play off, che avrebbe forse preso se non avesse buttato alle ortiche il match casalingo contro la vincitrice del campionato Acqui Terme, perso 3-2 dopo essere stata avanti 2-1. I ragazzi di Alberto Franzini sono stati sempre in alta classifica, pur buttando via qualche punto, ed hanno concluso un torneo comunque positivo. Il campionato in corso, persi due giocatori di grande importanza quali Francesco Castanò, passato in B a Varese (con qualche velata polemica) e Davide Uberti ha visto un inizio bruttino ma la squadra ha poi saputo rimettersi in corsa degnamente. Il Bistrot 2Mila8 Domodossola ha mantenuto la massima categoria sul campo non senza qualche difficoltà, buttando al vento anche troppe occasioni di allungare sulle avversarie direrre, perdendo punti o partite negli scontri diretti. La squadra di Giovanni De Vito alla fine si è salvata nel torneo di Serie C ma a causa di alcune defezioni di giocatori importanti ha scelto di autoretrocedere in Serie D, presentandosi con una squadra mix di giovani ed esperti che sta facendo bene. Nei tornei femminili in D va segnalata la retrocessione della MRG Borgomanero, un campionato di crescita (con un calo nel finale) per la CSO San Maurizio ed una salvezza ottenuta da Vega Occhiali Rosaltiora dopo un girone di ritorno di grande sofferenza che a poche giornate dalla fine metteva le verbanesi di Andrea Cova tra le pronosticate al salto del gambero in 1^divisione, forse anche per qualche problema negli spogliatoi. Non è andata così però perché a dispetto di tante troppe critiche le ultime partite della stagione Verbania le ha vinte nettamente, ritrovando gioco e carattere e soprattutto salvandosi con una giornata d’anticipo. La nuova stagione è di per sé epocale con il cambio di dirigenza e con il gruppo guidato da Carlo Zanoli che è succeduto a Roberto Parnisari ed allo storico Luciano Galli. Nel nuovo campionato le nostre sono tutte più o meno in medio alta classifica.

IL VOLLEY INTERPROVINCIALE FIPAV ED IL CSI

Nei tornei locali non si può non partire dalla beffarda stagione di Omegna Pallavolo, che in 1^divisione porta avanti un torneo di alto livello, restando sempre in testa ed avanzando al secondo turno senza troppi problemi davanti alle novaresi del PGS Issa. Anche nella seconda fase la squadra di Balzano, con gente come Modini, Barba, Valente, Chiara Magliocco, Tacchini e Bea Giovanna, avanza e si qualifica alla fase ad eliminazione diretta. In semifinale contro la Junior Casale la partita di andata in trasferta va alle verdeviola per 3-2, la finale sembra vicina ma la gara di ritorno è senza storia, vede le casalesi vincere 3-0 ed eliminare Omegna dall’ultimo atto verso la Serie D. La Sprint Gravellona giovane, diretta da Cesare Oliva non aveva troppe velleità e ha mantenuto la categoria senza troppi problemi. Terz’ultimo posto per Arona che poi ha preso un diritto sportivo per giocare la Serie D nella stagione in corso, stagione nella quale in 1^divisione Gravellona è guidata dal duo Matteo Azzini/Luigi Cottini e se la gioca con Area Libera Invorio, rinforzata da gente come Martina Pagliarini e Martina Spinello e con la giovanissima Omegna sempre guidata da Fabrizio Balzano. Nei tornei CSI non arrivano alle fasi finali nazionali le quotate Dark Ladies Piedimulera e il CSI Baveno (Open donne) e nemmeno le squadre dell’open misto. Arrivano a Montecatini le allieve della Foxes Sprint Gravellona di Erica Pastorelli che non chiudono nelle prime posizioni ma che arrivandoci hanno fatto una grande cosa. Tutte formazioni che anche nel campionato in corso stanno facendo bene.

IL BEACH VOLLEY

Senza la disputa dello storico SummerVolley sono stati i tornei Underbeach ed il B4B a farla da padrone. Nei tornei giovanili, aperti anche ai più grandi, al termine della stagione i migliori, premiati con il titolo MVP, sono risultati tra i maschietti Simone Frattini (over di Altea Altiora) e Filippo Dian (under del club verbanese) mentre tra le ragazze meritatissimo titolo under alla verbanese Marta Ossola, vincitrice di tutte le tappe, e titolo over a Sonia Cottini, potente banda di Rosaltiora, che spesso hanno fatto coppia in stagione. Il Beach for Babies, organizzato ad Intra va ormai annoverato come l’evento più di appeal del beach locale. Una settimana di partite in Piazza San Vittore che va oltre lo sport e si coniuga con la beneficenza tradotta in 8000 euro per la pediatria del Castelli e la Croce Rossa di Verbania. A vincere tra i maschi è stata la coppia d’oro composta da Marco Miani e Francesco Castanò che ha battuto in finale Cardoletti e Leoni, terzi De Vito e Galeazzi. Nel torneo femminile la coppia ‘di serie A’ composta da Sara Loda ed Alessia Ghilardi ha vinto come da pronostico contro le ‘prime delle terrestri’, le gemelle Sonia ed Annalisa Cottini, terzo posto per Marta Ossola e Laura Belfiore. Bella l’esibizione della ‘notte delle stelle’ con la madrina Maurizia Cacciatori (che ha proposto un frequentatissimo stage per bimbi e bimbe), Sara Loda, Alessia Ghilardi, Sara Paris e Daniela Gioria.

Gianluca Trentini

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

Sport

Pubblicità-sport

loghi sport

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa