logo1

Massimo Bellano, il progetto e le 12 vittorie…

massimo bellano filottranoDodici vittorie su dodici partite e sette punti di vantaggio sulla seconda in A2 per la Filottrano di Massimo Bellano, ex allenatore di Ornavasso, che si sta rifacendo con gli interessi dopo l’inopinato esonero nella scorsa stagione a Scandicci. Parola d’ordine: progetto…

E Massimo Bellano? Inutile far finta di niente, il suo nome negli appassionati di sport e soprattutto di volley, anche oggi che non lavora più da queste parti (dove ha mantenuto molti contatti), provoca fremiti e riporta alla mente gli anni belli di Ornavasso: due Coppe Italia, due promozioni per una bella storia del nostro sport finita malamente e che a quanto pare (pare, pare…) negli ambienti del volley viene sempre ricordata con qualche ‘risolino beffardo’, a rammentare, oh la giustizia, che alla fine il tutto fu ottenuto ‘incorrettamente’ (vero che le ‘casse’ latitavano e di molto, vere le tante insolvenze ma bisognerebbe ricordare quel passo del Vangelo di Giovanni in cui Gesù Cristo disse ‘Chi è senza peccato scagli la prima pietra’, di pietre ne partirebbero poche e altrettanto in pochi tra i club potrebbero ridacchiare). Il tecnico vastese trapiantato a Verona dopo Ornavasso ha subito avuto modo di ripartire da Scandicci facendo bene pur finendo male la sua esperienza nella scorsa annata, quando si arrivò ad una separazione, vero e proprio esonero più che separazione, peraltro per motivi futili, quasi frigne societarie che un uomo tutto d’un pezzo non potette accettare. Lui non si è perso d’animo, non lo ha mai fatto nemmeno ad Ornavasso, quando lo seguivamo da vicino ed abbiamo visto con i nostri occhi quando di suo fece in quelle stagioni peraltro non solo gloriose sul campo ma anche toccate da attimi davvero tremendi. E’ ripartito da una piccola piazza, da un progetto. A Bellano piace avere un progetto (beh anche Ornavasso lo fu, cresciuto tecnicamente anno dopo anno), piace plasmare, costruire, appunto progettare. Non tutti i club pensano ai progetti, conta il risultato, ed un tecnico capace spesso viene ritenuto ‘non vincente’ (pensate a Luis Enrique; arrivò alla Roma parlando di progetto, in tanti, soprattutto i giornalisti al seguito dei giallorossi, testimone chi vi scrive, lo ritennero quasi incapace, il rapporto non proseguì e dopo un anno andò al Barcellona vincendo tutto, cosa non facile; non si gestisce uno spogliatoio come quello blaugrana se non si è capaci). Bellano invece alla Lardini Filottrano ha costruito una buona squadra, si è messo a lavorare ed a cementare il gruppo come sa fare lui, si è messo a progettare. Il risultato? Ad oggi 12 gare giocate, 12 vittorie, solo 9 set persi. Primo posto in classifica a 34 punti con 7 punti di vantaggio sulle avversarie guidate dalla ambiziosa My Cicero Pesaro con la sempre verde Alessia Ghilardi (rieccola l’Orna) a far da capo branco. Qualcuno lo ha paragonato ad Antonio Conte che prima di Natale ha portato il Chelsea di Londra allo stesso risultato (lui ha già fatto 13). Scherzare ci sta, non è uno scherzo però dire che questo risultato ancora parziale di Bellano a Filottrano, un posto che somiglia in tanto alla ‘sua’ Ornavasso, non ci meraviglia per nulla. In bocca al lupo ad un serio ed onesto lavoratore del sottorete che in un certo senso a Filottrano sta chiudendo un cerchio aperto proprio negli anni di Ornavasso. Un tecnico che ormai avrebbe tutto per fare bene in un top team di A1 o anche lontano dall’Italia. Conoscendolo siamo però convinti che gli piacerebbe fare cose buone con questa squadra anche in futuro magari al piano superiore (comunque ancora tutto da centrare) perché è il ‘progetto’ quello che conta. Buona fortuna e, per ora, complimenti. (Foto: Studio 135)

Gianluca Trentini

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

Sport

Pubblicità-sport

loghi sport

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa