logo1

Kirillova torna in C a 54 anni con Issa Novara? Suggestione o altro?

Nei giorni scorsi è apparso un articoletto sul blog del giornalista Gian Luca Pasini che ‘annunciava’ il possibile ritorno in campo a 54 anni di Irina Kirillova tra le fila di Pizza Club Issa Novara, nel girone A della Serie C (quello di Rosaltiora), suggestione o altro?

Che l’età sportiva degli atleti abbia fatto passi avanti questo è assolutamente conclamato, che se negli anni 80 un atleta come, per esempio, Dino Zoff, potè giocare e vincere un mondiale a 40 anni era una cosa vista come eccezionale, dovuta dalla portata del personaggio e magari anche dal ruolo. Oggi invece è quasi normalità: pensate a gente come, per esempio, Zlatan Ibrahimovic, che torna in Italia dopo alcune stagioni in Usa e dice ancora il fatto suo alla grande a 38 anni. Pensate a Francesca Piccinini che a 41 anni torna in campo dopo aver detto stop. Nulla di nuovo; ai grandi piace smettere e tornare; citiamo Niki Lauda, Michael Jordan, lo stesso Pelè; che si ritirarono e tornarono spinti dalla passione ed anche, perché no, dai quattrini. E’ di questi giorni la notizia che Pizza Club Pgs Issa Novara, prima squadra del sodalizio pallavolistico gaudenziano (quello delle suore salesiane, si sa che il volley nasce in ambiente oratoriale) che in Serie C sta lottando per conquistate il salto in B2 ed è una delle ‘cinque sorelle’ che stanno facendo un campionato a sé nel girone che vede a metà classifica anche Vega Occhiali Rosaltiora, potesse riportare in palestra un ‘pezzo grosso’. Li davanti, chi conosce il campionato di Serie C sa, ci sono cinque formazioni di alto lignaggio, per buona parte già ottime per la categoria superiore: una fuoriserie come Bluetorino Volpiano con gente come Giulia Salvi, Erica Vietti, Lara Brero, Giulia Pasca, Chiara Pesce, come Ricotto Villafranca che propone Ester Armando, Elena Felizia, Erica Long. Poi Finimpianti Rivarolo con gente come Giulia Crespan, Serena Olocco ed ancora Autofrancia Torino ed appunto Pgs Issa che è uno squadrone con giocatrici come, per esempio, Samantha Ndoci, per citarne una. Nei giorni scorsi grazie al blog dell’esperto giornalista Gazzetta Gian Luca Pasini, si era sparsa la voce che la compagine allenata da Simone Cavazzini, trovatasi nella necessità di avere un palleggiatore per sostituire una delle due registe, ferma per infortunio, si fosse rivolta nientemeno che alla 54enne Irina Kirillova, che a Novara ormai vive da tempo insieme al marito Gianni Caprara ed ai figli. Qualcosa di significativo, anche perché si parla di una delle grandissime della storia del volley, che si è giocata lo status di miglior palleggio di sempre con la nostra Lo Bianco, oro olimpico a Seul 88 con l’Urss, senza dimenticare tutti i trionfi personali ottenuti con le varie squadre di club e che in Italia ha vestito le maglia di Sumirago, Modena, Bergamo, Reggio Calabria, Perugia, Chieri ed Asystel Novara. Abbiamo provato a capirci di più facendoci due parole ma lei, seppur in forma privata, smentisce questo ritorno in campo con un testuale “Ma noooo” seguito da tre emoticon della faccina che sorride. Insomma a quanto pare (ma lasciamo aperta la porta, sensazione, più che sensazione….) non rivedremo in campo la lucida precisione di Irina La Divina, perlomeno in partita, se poi facesse qualche salto in palestra ad dare una mano sarebbe un altro paio di maniche… Voi ci credete?

 

GT

 

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

Pubblicità-sport

loghi sport

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa