logo1

Champions League: nella bolla polacca Igor ok con Kazan, domani sotto con Olomuc…

Igor in Champions League nella ‘bolla’ polacca con tre partite da giocare in 3 giorni, vittoria per 3-1 contro Kazan e qualificazione al prossimo turno che si avvicina, Lavarini: “E' un bel passo in avanti ma ne servono altri per raggiungere il nostro obiettivo che è la qualificazione”

Cala il poker europeo la Igor Volley, che supera per 3-1 Kazan con una prestazione di altissimo livello. Ottima la prova delle azzurre, che esaltano le doti difensive di Stefania Sansonna (MVP del match) e trovano punti di riferimento importanti in tutte le uscite offensive con Washington “gigante” a muro: 5 “stampate” a segno per lei. Igor in campo con Smarzek opposta a Hancock, Bonifacio e Washington centrali, Herbots e Bosetti schiacciatrici e Sansonna libero; Kazan con Startseva in regia e Fabris in diagonale, Koroleva e Konovalova al centro, Bricio e Fedorovtseva in banda e Podkopaeva libero. Novara accelera subito a muro con Washington (6-4), sfruttando poi la vena di Bosetti (8-5) e Smarzek per portarsi 12-9, prima che ancora Bosetti concretizzi una gran difesa di Bonifacio per il +4. Sul 18-13, dopo il timeout di Kazan, le russe provano la riscossa e si portano prima 21-19 con Fabris a segno in diagonale e poi 21-21 con un muro di Fabris e un errore azzurro; Novara scatta di nuovo con Daalderop, appena entrata, (23-21), il nastro favorisce il sorpasso di Kazan sul servizio di Koroleva (23-24) e ai vantaggi la spunta Novara, 30-28, con il muro decisivo di Herbots. Kazan riparte forte (1-4) e Lavarini ferma subito il gioco, Smarzek con due punti in fila firma il sorpasso (5-4) e innesca un testa a testa rotto solo sul 14-14, quando Kazan “pesca” il jolly con l’ingresso di Popova in battuta. E’ lei a propiziare lo 0-5 (14-19) che di fatto indirizza il set, con le russe che tengono le distanze fino al 18-23; Herbots trova l’ace del 20-23, Washington quello del 22-24 ma Bricio chiude i conti in maniout (22-25). Novara riparte con Chirichella (subentrata nel set precedente) in sestetto, mentre il match prosegue sul testa a testa (5-5, poi 8-6 con due muri azzurri su Fabris) che vede le russe passare in vantaggio per la prima volta sul 10-11, per poi allungare 12-14. Lavarini inserisce Daalderop, Herbots pareggia concretizzando due gran difese di Sansonna (premiata con merito MVP del match) sul 14-14 ma Kazan torna avanti 16-18 con la pipe di Bricio. Daalderop accorcia (18-19), Bosetti sorpassa con una magia in maniout (20-19) e l’ace di Washington regala il break alle azzurre (22-20) con Daalderop che conquista il set ball in diagonale (24-22). Kazan ferma il gioco ma al rientro in campo Novara si esalta in difesa e ancora Daalderop fa 25-22 in maniout. Spalle al muro, Kazan alza ulteriormente l’asticella e va subito 3-6 con il muro di Koroleva e poi 4-8 con la neoentrata Kadochkina a segno in diagonale. Novara non perde il ritmo, Bosetti e Chirichella, con un gran muro, accorciano sull’8-9 e poco dopo è Smarzek, ancora a muro, a impattare a quota 11; Herbots e Kadochkina duellano (16-16), la belga chiude in pipe uno scambio combattuto (18-16) e poco dopo arriva il break decisivo: sul 18-18, Bosetti fa break murando Kadochkina (20-18) e Smarzek prolunga con due punti in serie per il 22-18. Kazan non rientra più, ancora due punti di Smarzek per il 24-20 e poi è Washington a chiudere a rete dopo un gran servizio della neoentrata Populini. Stefano Lavarini: "Siamo molto contenti, abbiamo disputato un'ottima prestazione e non era facile perché Kazan è cresciuta molto rispetto alla pool precedente, alzando di molto il ritmo. Abbiamo avuto la capacità di rimanere sempre in partita, di aspettare le nostre avversarie nei momenti delicati e di chiudere a nostro favore le fasi decisive di ciascun set. E' un bel passo in avanti ma è fondamentale tenere bene a mente che ne servono altri per raggiungere il nostro obiettivo, cioè la qualificazione". Haleigh Washington: "Abbiamo conquistato una vittoria importante, Kazan ha giocato un'ottima partita, hanno tenuto un livello molto alto in attacco e a muro. E' stato un bel match, una grande battaglia e non c'è niente di meglio per crescere e migliorare. Domani avremo un'altra sfida da vincere e giovedì ci aspetta una battaglia contro il Police, squadra che ha un bel gioco, ottime schiacciatrici e un'eccellente fase di muro". Cristina Chirichella: "Abbiamo messo un tassello importante per costruirci la qualificazione, vincendo una partita durissima contro un grande avversario. Ora ci aspettano altre due partite che saranno a loro volta tirate e decisive". Caterina Bosetti: "Oggi c'è da essere soddisfatte, è stata una partita complicata e tirata e alla fine l'abbiamo portata a casa, compiendo un passo importante verso la qualificazione. Non è finita, il traguardo non è raggiunto: la testa va subito alla partita di domani, che sarà altrettanto importante". Britt Herbots: "Kazan è una squadra totalmente diversa da quella affrontata all'andata, cresciuta tantissimo nel muro-difesa e non è stato facile avere la meglio. Per questo è un successo importante ma per noi è già il momento di pensare a domani, alla partita con Olomouc".

Igor Gorgonzola Novara - Dinamo-Ak Bars Kazan 3-1 (30-28, 22-25, 25-22, 25-20)

Igor Gorgonzola Novara: Populini, Herbots 15, Napodano (L) ne, Zanette ne, Battistoni, Bosetti 16, Chirichella 5, Sansonna (L), Hancock 3, Bonifacio 2, Tajè ne, Washington 13, Smarzek 18, Daalderop 6. All. Lavarini.

Dinamo-Ak Bars Kazan: Podkopaeva (L), Biryukova ne, Maryukhnich ne, Koroleva 12, Kotikova, Popova, Fabris 19, Bricio 14, Startseva 3, Fedorovtseva 19, Kadochkina 6, Konovalova 1. All. Gilyazutdinov.

MVP: Stefania Sansonna

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

Pubblicità-sport

loghi sport

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa